..::HOME::..    ..::CONTATTI::..   ..::PRIVACY::..    ..::VOTACI::..  ..::SITI AMICI:..  ..::NEWS SITO::..  ..::CHAT::..
 


..:: ARBUSTI DEL BOSCO
 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ecco delle schede dedicate alle Piante

 

ABETE Alto fino a 25 metri. Chioma conica, regolare. Aghi corti e pungenti Pigne lunghe pendenti. Resinoso. Tradizionale "albero di Natale"
BETULLA 'Alta da 15 a 20 metri. Caratteristica la corteccia liscia, sottile, 'argenteo bianca. Resistente nonostante l'aspetto delicato.
CARPINO 'Alto da 15 a 20 metri. Popola i querceti ma pu˛ associarsi anche al faggio. Usato per ornare parchi e giardini anche sotto forma di siepi.
ACERO 'Alto fino a 20 metri. Chioma arrotondata, ombrosa. Frequente nei boschi di latifoglie. E' usato anche per ornamento di giardini e siepi

Gli Aceri sono alberi delle zone temperate boreali, appartenenti alla famiglia delle Aceraceae, che presentano fo glie caduche, opposte, con lungo picciolo senza stipole. Fiori per lo pi¨ poligami (ma schili ed ermafroditi), pentameri (5 petali e 5 sepali) riuniti in infiorescenze racemose e corimbose pendule. Il frutto, caratteristico del genere, Ŕ formato da due noci alate ed Ŕ chiamato disamara.

Al genere Acer appartengono circa 150 specie di cui 6 sono spontanei in Italia ed altri sono naturalizzati. La forma delle foglie e quella delle disamare possono essere di valido aiuto per riconoscere le varie specie. Tutte le specie spontanee in Italia hanno foglie semplici con lamina palmato-lobata e con picciolo lungo come la lamina fogliare. Un Acero inselvatichito, soprattutto in Italia settentrionale che presenta foglie paripennate composte da 3-7 segmenti Ŕ l'Acero negundo L. o Acero americano.

CASTAGNO 'Alto fino a 30 metri. Chioma ampia. Longevo. Le castagne furono il principale alimento invernale delle genti rurali. Fiori melliferi.
OLMO 'Alto fino a 30 metri. Chioma ampia. Legno duro; fu usato per i mozzi delle ruote ed i tronchi, svuotati, come tubazioni dell'acqua.
LARICE 'Alto fino a 20metri. Chioma piramidale. Aghi teneri, verde chiaro, cadono in inverno. Importante colonizzatore di terreni degradati.

 

PINO SILVESTRE Alto fino a 30 metri. Chioma alta, aghi brevi, ritorti. Pigne ovato-coniche.Dalla resina si ricava essenza di trementina.
CILIEGIO Alto fino a 20 metri. Spettacolare fioritura bianca primaverile.Le ciliegie sono cibo per numerosi uccelli.
FRASSINO Alto fino a 40 metri. I frutti (samare) sono lungamente alati. Nell'antichitÓ fu albero sacro, mistico e magico.
ROVERELLA 'Alta fino a 25 metri. Chioma espansa molto ombrosa. I frutti (ghiande) sono ricercato alimento degli animali selvatici.
TIGLIO Alto fino a 25 metri. Chioma densa ed ampia. Medicinale. Fu simbolo di immortalitÓ e piantato lungo le strade per proteggere dal malocchio.
PIOPPO 'Alto fino a 20 metri. L'incessante tremolio delle foglie dona alla chioma riflessi argentei. La leggenda narra che si us˛ il  legno di quest'albero  per la croce di Ges¨
TASSO 'Alto sino a 10 metri. Aghi verde scuro. Frutti rossi  velenosi, sono appetiti dagli uccelli.'. Il legno Ŕ durissimo e compatto
PINO MUGO 'Cresce prostrato o eretto, raggiunge allora i 20 metri di 'altezza. Aghi duri, pungenti. Pigne dapprima erette poi pendule.'Dai rami si distilla il mugolio utilizzato in farmacopea
FAGGIO 'Alto fino a 40 metri. Chioma massiccia. Tronco possente, corteccia liscia color cinerino . Caratterizza l'orizzonte climatico della foresta caducifolia montana. Dai frutti (faggiole) un tempo si ricavava un buon olio alimentare e nutrimento per gli animali domestici. Nelle carestie anche gli uomini si cibavano della farina di faggiole. 'E' inoltre un maestoso albero ornamentale.
SAMBUCO 'Piccolo albero o arbusto. Numerosi fiori bianco-crema. Bacche nero 'violacee pendule, usate per marmellate. Odore acre, pungente.
GISILOSTIO Cespuglio frondoso che popola il sottobosco delle faggete. I frutti sono molto tossici.
SAMBUCO MONTANO 'Arbusto. Cresce oltre i 900 metri s.m. Fiori bianco giallastri 'in dense pannocchie. Frutti (drupe) rosso scarlatto usati per sciroppi
NOCCIOLO 'Piccolo albero o arbusto ramificato fin dalla base. Le nocciole sono un alimento ambito da numerosi animali.

Albero o arbusto (Corylus avellana) della famiglia delle Betulacee; foglie arrotondate a margine seghettato; fiori maschili in amenti cilindrici, femminili in gruppetti gemmiformi; frutto commestibile (nocciola); i semi, detti anch'essi nocciole, sono oleosi e commestibili. L'autunno Ŕ il momento migliore per piantare un nocciolo perche' avrÓ ancora tempo di sviluppare le radici prima del gelo invernale.

AGRIFOGLIO 'Piccolo albero o arbusto del sottobosco del faggio. 'Foglie persistenti. Drupe rosse. Depredato nel passato per le caratteristiche ornamentali  ora Ŕ protetto.
CAPPELLO DI PRETE Arbusto poco appariscente in primavera estate, avvampa in autunno 'di foglie rosseggianti e di frutti a quattro lobi che si aprono mostrando 'i semi rosso arancione. VELENOSO.
MAGGIOCIONDOLO 'Piccolo albero o arbusto. Ornamentale. I fiori gialli pendono in lunghi grappoli profumati. Tutta la pianta Ŕ velenosa.
BIANCOSPINO 'E' noto fin dal tempo dei Greci che lo usavano per adornare gli altari nunziali. Fiori, frutti e corteccia hanno proprietÓ medicinali
CORNIOLO Pu˛ arrivare a 7 metri di altezza. Fiorisce giÓ a febbraio. I frutti erano usati per marmellate o in salamoia come le olive
LANTANA 'E' un arbusto alto fino a 6 metri. Ornamentale. Dai frutti maturi un tempo si ricavava inchiostro.
 
SORBO DEGLI UCCELLATORI Alto fino a 18 metri. Ornamentale. I frutti erano usati come richiamo nelle trappole per gli uccelli.
SALICONE Piccolo albero o arbusto. Gli amenti femminili serici, sono giÓ presenti alla fine dell'inverno ed in molte localitÓ sono chiamati  "gattini" .La corteccia Ŕ ricca di salicina ed Ŕ usata in farmacopea.

 

 

 

 

 

Sei in PIANTE E FIORI